Film in programmazione martedì 24 aprile 2018 "Nome di donna" di Marco Tullio Giordana



DAL REGISTA DE "I CENTO PASSI" e "LA MEGLIO GIOVENTU'"
UN INTENSO FILM SULLE MOLESTIE CONTRO LE DONNE
CON CRISTIANA CAPOTONDI

"NOME DI DONNA"
di Marco Tullio Giordana

Introduzione e commento al film di Roberto Lasagna
Martedì  24 aprile 2018, ore 21,15

 
















































Circolo del Cinema Adelio Ferrero – Alessandria
 
STAGIONE 2017-2018
DAL REGISTA DE “I CENTO PASSI” E “LA MEGLIO GIOVENTU’”
UN INTENSO FILM SULLE MOLESTIE CONTRO LE DONNE
CON CRISTIANA CAPOTONDI
 
MARTEDI’ 24 aprile 2018, ore 21,15
proiezione del film:
 
“NOME DI DONNA”
di Marco Tullio Giordana
con:
introduzione e commento al film di
Barbara Rossi
 
Possono assistere alla proiezione anche i non iscritti
La proiezione unica avverrà come di consueto presso la
MULTISALA KRISTALLI
 
Nel corso della serata sarà possibile iscriversi al Circolo del Cinema
(Onde evitare code, si consiglia di presentarsi con qualche anticipo)
 
La tessera per la nuova stagione del Circolo del Cinema costa euro 12,00
Per gli studenti fino a 25 anni la tessera costa euro 6,00
 
Il costo del biglietto d’ingresso per i tesserati è di euro 5,00. La tessera della nuova stagione dà anche diritto alla riduzione (euro 6,00) per tutti i film della programmazione normale del Cinema Multisala Kristalli (sale Kubrick e Kurosawa) e del Cinema Teatro Alessandrino.
I non tesserati possono accedere alla visione del film acquistando il biglietto normale (euro 7,50).
 
 

 

 


 

 

 
SEGNALAZIONE
 
FESTA D’APRILE
IN OCCASIONE DELLA “FESTA D’APRILE”
NUOVA VERSIONE RESTAURATA DEL CAPOLAVORO
DI GIULIANO MONTALDO
 
MARTEDI’ 24 aprile 2018, ore 18,00
presso la RISTORAZIONE SOCIALE,
via Milite Ignoto – Alessandria
INGRESSO LIBERO
 
Proiezione del film:
“L’AGNESE VA A MORIRE”
di Giuliano Montaldo
con:
introduzione e commento al film di
Roberto Lasagna
 
L'Agnese va morire (1976) viene presentato nella nuova edizione restaurata ed è un importante dramma sulla resistenza interpretato da Ingrid Thulin e Michele Placido, per la regia di Giuliano Montaldo, cineasta recentemente premiato con il David di Donatello quale miglior attore non protagonista per il film di Francesco Bruni "Tutto quello che vuoi".
 
Tratto dall'omonimo romanzo di Renata Viganò, autrice anche del soggetto del film, l'opera racconta la vicenda di Agnese, una donna di mezza età di Comacchio che vive con suo marito Palita, membro della Resistenza. Un giorno il marito viene deportato in un campo di concentramento, dove morirà; a causa della sua perdita ella vuole aiutare i compagni portando cibo, informazioni, armi e notizie da un paese all'altro. Agnese diventa quindi una staffetta partigiana: la sua vita prosegue così per sei mesi ma un giorno un soldato tedesco uccide per gioco la sua gatta nera e la notte stessa Agnese lo colpisce spaccandogli la testa con il calcio di un mitra e lasciandolo per morto.
 
Agnese deve scappare e, di conseguenza, entrare a far parte della vita clandestina della Resistenza, divenendo "mamma Agnese": prepara pasti per partigiani, controlla che ci siano provviste per tutti, esegue lavori casalinghi, per non farsi notare dai tedeschi e per non essere uccisa. Quando, nell'ultimo duro inverno, un gruppo di partigiani viene tradito e sterminato da tedeschi appostati lungo il percorso che dovrebbe portarli oltre le linee, Agnese disobbedisce al Capo nascondendo in casa i superstiti.
 
I partigiani non sono ben visti dalle persone e sottovalutati anche dalle truppe amiche e, dopo la disfatta della battaglia partigiana, Agnese ritorna ad operare come staffetta ma, durante un rastrellamento, viene riconosciuta dall'ufficiale del soldato che lei credeva di aver ucciso e che invece aveva solo ferito e viene da lui uccisa.
 

 



 


 

 

 
CIRCOLO DEL CINEMA ADELIO FERRERO
  E’ IN PREPARAZIONE IL CALENDARIO
DELLE PROIEZIONI PER IL MESE DI MAGGIO
 
I MIGLIORI FILM DELLA STAGIONE
SUL GRANDE SCHERMO
STATE CON NOI!